Renault: sigla accordo con sindacati per congelare salari per due anni

Renault e i sindacati hanno raggiunto un accordo preliminare sull’accordo 2021-2024 che stabilisce un congelamento dei salari per i primi due anni e il mantenimento della giornata lavorativa, oltre all’impegno dell’azienda a fare un minimo di mille contratti permanenti.

“È un accordo accettabile nei tempi che stiamo vivendo”, hanno detto alcuni dei sindacati a Europa Press, anche se i termini del negoziato sono stati criticati da Cgt e United Workers.

Undici riunioni sono state necessarie per raggiungere un consenso sui costi salariali, la flessibilità, l’occupazione o gli aspetti sociali per il periodo 2021-2024. Il pre-accordo è in attesa di ratifica nelle assemblee dei diversi sindacati, come un passo precedente per essere firmato, ricorda la direzione.

Per quanto riguarda i termini concordati, il documento include un congelamento dei salari per due anni, mentre nel 2023 ci sarà un aumento dell’Ipc più lo 0,5% e un ulteriore 0,5% se il Gruppo Renault raggiungerà i suoi obiettivi di Renaulution nel 2022. Per l’ultimo periodo di validità dell’accordo, è stabilito un aumento dell’IPC più uno per cento.

Anche la mezza paga sarà aumentata in modo che il suo importo sia la metà di una paga extra e sarà stabilito un premio di anzianità di 25 anni, con un aumento a 500 euro lordi. Inoltre, le tabelle delle categorie equivalenti nel gruppo tecnico e nel gruppo dei lavoratori saranno equiparate verso l’alto.

D’altra parte, si mantiene la giornata lavorativa di 1.681,75 ore all’anno (217 giorni), più tre giorni di competitività per ciascuno degli anni, con l’impegno che il personale assegnato alla Borsa Individuale, recupererà la media della fabbrica di appartenenza.

Per quanto riguarda l’occupazione, il pre-accordo impegna l’azienda a fare un minimo di 1.000 contratti a tempo indeterminato durante il periodo di validità del contratto collettivo. Il contratto di Soccorso sarà assegnato anche a quei lavoratori che soddisfano i requisiti legali stabiliti, mentre il Piano di Disabilità sarà mantenuto secondo i termini e le condizioni del precedente accordo.

Altri aspetti inclusi nel pre-accordo sono la regolarizzazione della riduzione del turno notturno, per cui il lavoratore deciderà se regolarizzare i saldi in sospeso al 31-12-2020, riscuotendoli (con un massimo del 25% all’anno), godendoli (in accordo con la propria linea gerarchica) o mantenendoli. Inoltre, ci sarà un nuovo bonus volontario per i turni pomeridiani: 1200 euro lordi all’anno.

Viene anche regolarizzato lo scambio di ore di lavoro collettivo, migliorando gli aspetti sociali, mentre viene approvata una mobilità volontaria definitiva tra Valladolid e Valencia di 240 lavoratori (60 all’anno). La validità dell’accordo è condizionata all’effettiva assegnazione di un nuovo veicolo a Valladolid, oltre all’attuale Captur; l’assegnazione della famiglia di motori HR12 per la fabbrica di motori; l’assegnazione di un totale di tre veicoli della famiglia XHN per la fabbrica di Palencia; l’assegnazione di un nuovo cambio ibrido per la fabbrica di Siviglia; la continuità della sede di Madrid e la continuità dell’attività di ingegneria in Spagna, sia di prodotto che di processo.(Adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.