VetrinaTv Cinema, alle 21 il film “Ugo e Lea” con Carlo Barbera

Vetrinatv Cinema – Stasera alle 21,00 per il ciclo “I film di Carlo Barbera” trasmetterà il film “Ugo e Lea” – con Carlo Barbera e Natalia Silvestro, per la regia di Francesco Maricchiolo. Ugo, avvocato di Lipari, dopo la scoperta di avere fatto assolvere un impenitente stupratore seriale, lascia la sua città e la sua professione e va a vivere a Catania, per strada, guadagnandosi da vivere come artista di strada. Sulla sua via incontra Lea, una giovane donna, vittima, prima della violenza domestica della madre e del patrigno, poi di quella del suo compagno. Ma qualcosa cambierà ancora una volta la loro esistenza. Il film, della durata 80 minuti, è tratto dall’omonimo spettacolo teatrale di Carlo Barbera.

Il ciclo prevede la trasmissione, mercoledì 25 alle 21 del film “Sorpresa”, con Carlo Barbera, Simona Grimaldi, Natalia Silvestro e ancora venerdì 27 marzo del film “Pepe”. Un paese in provincia di Messina è il palcoscenico di una storia, resa ancora più drammatica da un finale a sorpresa.

Carlo Barbera è attore-autore-regista-cantastorie, o come si definisce “Teatrista”. L’avventura artistica di Carlo Barbera comincia nel 1977; ancora tredicenne, gli viene regalata una chitarra dallo zio e si mette a strimpellarla. Da questo momento in poi la sua vita inizierà a cambiare, in quanto sentirà già dentro di se lo stimolo per, non soltanto cantare, ma subito iniziare a comporre canzoni, pur senza conoscere la musica. Infatti Carlo, come molti cantastorie, suona perfettamente ad orecchio. È proprio allora che parte una escalation che lo porterà a creare diversi gruppi musicali, sia rock che popolari.

Nel 1985 diventa conduttore radiofonico e si cimenta anche nel giornalismo, ma presto lo abbandonerà, non sentendosi adatto a quel tipo di lavoro. Nel 1986 incontra il teatro dialettale e da quel giorno la sua vita prende una piega tutta nuova. Nel 1992 fonda La Bottega degli Attori e comincia scrivere commedie, che rappresenterà in giro per la Sicilia.

Da questa data l’attività di Carlo è regolare, quasi un lavoro nuovo l’anno, scritto di proprio pugno, e uno di autore diverso. Ciò lo porterà ad accumulare una grande esperienza nel campo del teatro, dialettale, ma anche in lingua. Il suo teatro cerca di coniugare l’impegno culturale, la ricerca storia, con una esilarante comicità, che inchioda il pubblico, ma non si sminuisce nella comunicazione di importanti messaggi sociali.

Collabora con diversi gruppi, si occupa di televisione e ultimamente anche di cinema. Ha girato infatti il suo primo film come attore e regista, dal titolo “Il Ritorno” e ha girato diversi cortometraggi. Tiene laboratori teatrali nelle scuole o anche come corsi liberi, che organizza con la sua compagnia.

Nel 2003 riprende in mano la chitarra, che per la verità non aveva mai abbandonato, ma la frenetica attività teatrale non gli dava spazio per altro. Comincia così ad avvicinarsi al mondo dei cantastorie, e si mette scrivere dapprima satire, che poi diventeranno vere e proprie ballate.

Oggi, dunque, oltre a essere attore e regista delle opere che rappresenta, Carlo Barbera porta avanti il progetto Teatro canzone, dove il cantastorie diventa narratore della vita di tutti i giorni, diviso fra canto e recitazione, per correre verso la riscoperta di una identità culturale che va perdendosi.

Il cantastorie Carlo Barbera mette a confronto il mondo di oggi e quello di una volta, ora con l’ironia ora col dramma, ma sempre con l’efficacia di una capacità narratoria che forse solo la gente del sud possiede.

Povira genti nui è il titolo del suo spettacolo, dove l’uomo viene visto nella sua essenza attuale, sempre più lontana dalla sua natura, pronto a farsi convincere da una macchina pubblicitaria che tende a scompaginare la propria cultura, le proprie radici, in favore di una globalizzazione sempre più invadente e più martellante.

Attore per varie compagnie: Compagnia Liberi Attori Siciliani. La Bottega degli Attori, Compagnia Stabile di Messina, Gruppo Argeno, Compagnia gli amici del teatro, Parco letterario Quasimodo, Associazione Pagnocco, Associazione I Marinoti, Associazione Laboratorio di cinema, e altri gruppi.

Barbera ha preso parte a vario titolo alla produzione di circa 70 spettacoli diversi, con circa 600 rappresentazioni, documentari per RAI International, dove ha interpretato la parte di Salvatore Quasimodo e anche tante rappresentazioni di spettacoli di propria produzione presso le scuole di tutti i gradi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.