Ucraina: “Controffensiva flop, ora nuova tattica”. Russia: “Avanziamo”

rom awin.com -->

(Adnkronos) –
L'Ucraina ammette errori nella controffensiva e riconosce la necessità di cambiare strategia nella guerra contro la Russia. Il presidente Volodymyr Zelensky saluta l'arrivo di altri due sistemi per la difesa aerea. Dall'altra parte, Mosca rivendica successi e progressi nel conflitto iniziato 2 anni fa. Lo stallo apparente nella guerra si protrae da mesi. Si combatte lungo la linea del fronte senza variazioni sostanziali nelle posizioni, che appaiono consolidate dalla fine della controffensiva condotta da Kiev nel 2023. L'Ucraina non ha sfondato la difesa russa, in particolare sul fronte meridionale, e non ha centrato l'obiettivo di tagliare lo schieramento nemico per puntare verso la Crimea. Ora, Kiev deve fare i conti anche con una complessa gestione di armi e munizioni: si attende un segnale dagli Stati Uniti, con un pacchetto da 61 miliardi bloccato al Congresso per l'opposizione di una pattuglia di repubblicani al Senato. 
Gli ucraini ammettono "errori" che hanno lasciato 'delusione' in Occidente per i risultati. Ora si scommette su una 'nuova' tattica, nel mezzo sullo scontro che va avanti da settimane e che potrebbe essere arrivato all'apice tra il presidente Zelensky e il capo delle Forze Armate, Valerii Zaluzhny. "Per quello che riguarda la controffensiva, sì, c'è un certo retrogusto negativo dopo quello che è accaduto nel 2023", riconosce il consigliere della presidenza, Mykhailo Podolyak, in un'intervista all'emittente ucraina Canale 24. "Ci sono stati errori tattici, i comandanti militari e i leader politici ne parlano – aggiunge – Non è un problema, è una guerra. Non è un Paese piccolo con risorse limitate a combattere contro di noi, è la Russia, un Paese grande con un apparato militare e industriale enorme". Podolyak torna a chiedere più sostegno ai Paesi europei proprio mentre l'Ue vara nuovi aiuti da 50 miliardi. "E' necessario aumentare la fornitura di alcuni armamenti e va risolta la questione delle quantità", dice, ammettendo al contempo che c'è una certa "stanchezza" su alcuni fronti, come il Donetsk. "Non possiamo fermare la guerra – afferma- Dobbiamo cambiare tattica. La strategia non cambia, ma le decisioni operative devono cambiare in base al numero di armi e alle capacità". Secondo Podolyak, "deve essere una cosa inaspettata per la Russia che combatte in modo lineare. Dobbiamo privarla della sua capacità di prevedere cosa farà l'Ucraina". La novità principale delle ultime ore, come annuncia Zelensky, è l'arrivo di "altri due sistemi di difesa aerea". "I dettagli non possono essere discussi in pubblico", dice il presidente. "Si tratta di sistemi capaci di intercettare qualsiasi cosa. Difenderemo i territori. Sebbene i sistemi siano ancora insufficienti per la protezione completa dell'Ucraina, lavoriamo ogni giorno per raggiungere questo obiettivo", aggiunge. In questo quadro, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu annuncia che il suo esercito è all'offensiva in Ucraina e avrebbe compiuto presunte conquiste territoriali. "Le nostre unità stanno avanzando, espandendo la zona sotto il loro controllo, migliorando la loro posizione in prima linea", dice in una riunione con alti ufficiali a Mosca in cui spicca l'assenza del generale Valerii Gerasimov. "Dopo il fallimento della controffensiva nemica, le forze armate russe hanno assunto l'iniziativa strategica su tutta la linea del fronte. L'esercito russo ha catturato i villaggi di Tabayivka e Krokhmalne nella regione ucraina orientale di Kharkiv e il villaggio di Vesele vicino a Bakhmut, nella regione del Donbass", aggiunge. A Tabayivka ci sono forti combattimenti ma rimane in mano ucraina, ha dichiarato invece un portavoce militare a Kiev, precisando che "sono in corso scontri di artiglieria".   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *