“Munnizza day” , De Luca lancia la protesta contro il caro servizio rifiuti:”Costi insostenibili”

Si chiama “Munnizza day” l’iniziativa lanciata dal leader di “Sicilia Vera” e “Sud chiama Nord” Cateno De Luca che verrà illustrata alla stampa martedì 18 ottobre alle ore 10:30 nel corso di una conferenza che si svolgerà presso la Sala Pio La Torre di Palazzo dei Normanni.

«A venti giorni dalle elezioni che hanno consegnato alla Sicilia Renato Schifani come presidente tutto è fermo. L’attività amministrativa bloccata. Chi sta amministrando? La scelta di Schifani di colmare il vuoto in attesa di nominare la giunta affidando la gestione al burocrate è inaccettabile.

Tra le emergenze che dovrebbero essere affrontate con urgenza quella legata ai rifiuti, dove tra l’altro non c’è nemmeno un capo di gabinetto che gestisca il transitorio. Il sistema è saltato ma Schifani perde tempo a decidere come spartire le poltrone del suo governo.

Siamo di fronte al disastro. Oggi in Sicilia sono operativi solo 3 impianti per 390 comuni, la discarica del Gruppo Catanzaro a Siculiana, la struttura Oikos a Motta Sant’Anastasia (che tra l’altro accetta i rifiuti per inviarli ad altri impianti o all’estero) e Bellolampo (in via di saturazione). Tutti i comuni sono in affanno. I costi sono diventati insostenibili. Negli anni abbiamo assistito ad aumenti spropositati. Solo un esempio per i comuni della Sicilia Orientale.

Costo discarica 2019: € 110

(Lentini)

Costo discarica 2021: € 240

(da Lentini verdi Gela-Siculiana)

Costo discarica 2022: € 300

(Estero)

Costo discarica 2022: € 340

(Estero).

Di fronte a tutto questo assistere all’immobilismo di Renato Schifani è inammissibile. Non resteremo a guardare senza agire. Se è necessaria un’azione forte per destare dal torpore il Presidente la metteremo in atto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.