Milazzo, avviato l’affidamento dei servizi digitali per la migrazione dei software comunali

rom awin.com -->

Parte il primo progetto di transizione digitale finanziato dal P.N.R.R., nell’ambito del programma nazionale “P.A. Digitale 2026”. Si tratta della misura 1.2 “abilitazione al cloud” che ha visto il Comune di Milazzo, quale soggetto attuatore, riceve 252.000 euro di risorse che saranno destinate nel prossimo triennio all’aggiornamento in sicurezza delle applicazioni in cloud relativamente ai servizi demografici, all’accesso civico, al protocollo e all’albo pretorio, alla comunicazione istituzionale, ai servizi amministrativi e finanziari e ai contratti. Gli uffici di palazzo dell’Aquila, guidati dal dirigente Antonio Infantino, hanno presentato il progetto e il piano del fabbisogno alla Consip, nell’ambito dell’accordo quadro sui servizi digitali, che vedrà l’affidamento, tramite la stessa concessionaria dello Stato, al soggetto che curerà, nei prossimi nove mesi, la transizione sul web di tutti gli applicativi in uso al Comune di Milazzo. “E’ il primo tassello – spiega lo stesso Infantino – che vedrà tra la fine di quest’anno e l’inizio dell’anno prossimo il completamento delle altre importantissime fasi quali: i servizi digitali al cittadino, l’estensione dell’utilizzo dello SPID per l’accesso ai servizi online, l’adozione della piattaforma pago p.a. e dell’app IO, l’adesione alla piattaforma delle notifiche digitali e alla piattaforma nazionale dati nell’ambito del cloud nazionale, finalizzato all’interoperabilità digitale tra le pubbliche amministrazioni. Tutti i progetti ridefiniranno, nei prossimi anni, il modo in cui operano le amministrazioni locali e vedono il Comune di Milazzo in prima linea e pienamente inserito negli obiettivi sia procedurali che nelle tempistiche previste dal P.N.R.R. e dal piano nazionale di transizione al digitale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.