Governo Meloni, oggi la fiducia alla Camera con il discorso-manifesto

L’attendevano tutti, non solo i cronisti ma anche commessi, dipendenti e poliziotti di guardia nella sede del governo. Ma lei, la neo presidente del Consiglio Giorgia Meloni, ieri ha evitato di lavorare a Palazzo Chigi all’indomani della cerimonia della campanella con cui Mario Draghi le ha passato il testimone, e che lei ha fatto risuonare alle 12.30 in punto, per il suo primo Cdm. Dopo l’incontro con il Presidente francese Emmanuel Macron nella serata di domenica – con cronisti, cameraman e fotografi impegnati nella ‘caccia all’uomo’ in ogni angolo del centro storico di Roma -, il presidente del Consiglio ha lavorato in ‘smart working’, tra le mura di casa, lontano da riflettori e ambienti che le risultano ancora estranei. Da vera ‘secchiona’, come chi la conosce meglio ama descriverla, ha scritto, rivisto e preparato, attenta a ogni spigolatura, il discorso con cui oggi – alle 11 – chiederà la fiducia a Montecitorio. E che replicherà mercoledì al Senato.(Adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.