Code ai supermercati. Il governo: “Non serve”

E’ scattato l’assalto ai supermercati in molte città d’Italia dopo l’annuncio da parte del premier Giuseppe Conte che, con un nuovo decreto per fronteggiare l’emergenza Coronavirus, ha esteso a tutta Italia le restrizioni già previste per la Lombardia e 14 province del Nord. Le nuove misure prevedono “la possibilità di uscire di casa per motivi strettamente legati al lavoro, alla salute e alle normali necessità, quali, per esempio, recarsi a fare la spesa”.

Nonostante ciò già nella tarda serata di lunedì in diverse città, da Roma a Napoli fino a Palermo, è scattata la corsa ad acquistare generi alimentari e altri beni di prima necessità. Sui social circolano diverse foto che testimoniano le lunghissime file agli ingressi dei supermercati. Una situazione che ha spinto la presidenza del Consiglio a diramare una nota per fare ulteriore chiarezza. “Non è prevista la chiusura dei negozi di generi alimentari, che anzi rientrano tra le categorie che possono sempre restare aperte”, si legge nella nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.