Carcere Modena, fonti Dap: no segni lesioni su detenuti morti

Nessun segnale di lesioni è stato riscontrato per i tre detenuti morti nel carcere di Modena. E’ quanto precisano fonti dell’Amministrazione penitenziaria. Due casi, infatti, sarebbero riconducibili a uso di sostanze stupefacenti, mente il terzo è stato rinvenuto in stato cianotico, di cui non si conoscono le cause.

Nelle carceri italiane divampa la protesta per le restrizioni legate all’emergenza Coronavirus. “Poco fa abbiamo appreso della morte di un detenuto avvenuta oggi nel carcere di Modena durante le proteste. Non sappiamo cosa sia accaduto ma chiediamo che vi sia una inchiesta rapida. Temevamo che la tensione stesse crescendo negli istituti di pena e temevamo che ciò potesse portare a delle tragedie. Non sappiamo come sia avvenuta la morte, ma ogni episodio di questo tipo è sempre una tragedia”. Così Patrizio Gonnella, presidente di Antigone, ieri sera.

“Ribadiamo che, di fronte a una situazione eccezionale come quella che sta vivendo tutto il paese, va spiegato con calma ai detenuti cosa sta accadendo in riferimento alle limitazioni assunte per rispondere all’emergenza coronavirus. Ribadiamo con ancora più urgenza e determinazione che bisogna assicurare loro – in assenza di colloqui visivo – il diritto a comunicare anche giornalmente, telefonando ai propri cari, anche tramite l’utilizzo di skype, nonché la possibilità di uscire in detenzione domiciliare. Vanno assunti tutti i provvedimenti necessari a ridurre la tensione”, conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.