Atletica, Indoor Ostrava: Ferraro bis a 6.68. Il milazzese Trio quinto con 7,53

Al meeting di Ostrava, in Repubblica Ceca, quarto posto di Massimiliano Ferraro (Atl. Riccardi Milano 1946) sui 60 metri. Lo sprinter partenopeo eguaglia in finale il primato stagionale di 6.68, dopo essersi piazzato terzo in batteria con 6.73, e si fa valere nel confronto con alcuni tra i migliori specialisti a livello continentale. Vittoria al britannico Oliver Bromby (6.65), secondi a pari merito il polacco Dominik Kopec e il ceco Jan Veleba (6.67), ma per l’ex tricolore assoluto c’è la soddisfazione di battere il campione europeo in carica, lo slovacco Jan Volko, quinto in 6.69.

Negli 800 metri finisce ottavo Simone Barontini con il tempo di 1:48.67. Il 22enne anconetano delle Fiamme Azzurre non trova la stessa brillantezza dell’esordio sulla pista di casa dove era riuscito a cogliere lo standard per gli Europei indoor di Torun (1:47.85) e rimane in coda al gruppo in una gara affollata, lanciata su ritmi piuttosto sostenuti. Ad imporsi è il britannico Jamie Webb, argento nell’ultima edizione della rassegna continentale al coperto, con il personale di 1:46.45 nella riunione valida come tappa del World Athletics Indoor Tour Silver.

Sulla pedana del lungo il siciliano Antonino Trio (Athletic Club 96 Alperia) atterra a 7,53 ed è quinto, per la sua seconda gara di un 2021 che il milazzese ha iniziato con 7,90. Al debutto in questa stagione nei 60 ostacoli Giada Carmassi (Atl. Brugnera Friulintagli) chiude sesta in batteria con il tempo di 8.35, appesantito da una partenza poco reattiva. La 26enne friulana arriva a sette centesimi dal suo primato di 8.28, che risale a sei anni fa, senza riuscire a qualificarsi per la finale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.