Siracusa, sequestrati capi e accessori di abbigliamento contraffatti

Non conosce sosta l’attività della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Siracusa volta alla prevenzione e repressione dei traffici illeciti in materia di contraffazione marchi nei principali mercati rionali del comune aretuseo. Le operazioni sono state eseguite dai Baschi verdi della locale Compagnia nel corso degli ordinari servizi di controllo economico del territorio disposti dal Comandante Provinciale di Siracusa.

Le Fiamme Gialle hanno sorpreso, nei pressi del Tempio di Apollo, un cittadino extracomunitario gravato da specifici precedenti di polizia, intento a vendere capi e accessori di abbigliamento contraffatti. Nel corso delle attività, i militari hanno individuato e sequestrato circa 100 prodotti di note griffe, tra le quali “Harmont & Blaine”, “Ralph Lauren”, “Adidas”, “Puma”, “Nike”, “Stone Island”, “Gucci”, “Prada”, “Burberry”, “Louis Vuitton”, “Michael Kors”, “Gucci” e altre fra le più rinomate e prestigiose a livello internazionale. Il cittadinoextracomunitario è stato quindi deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di “Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi”.

Gli uomini delle Fiamme Gialle non si limitano al sequestro della merce contraffatta nei vari angoli della città, ma stanno vagliando e analizzando ogni indizio in loro possesso, anche attraverso la consultazione delle diverse banche dati a disposizione, allo scopo di ricostruire la filiera produttiva dei capi e accessori di abbigliamento destinati ad essere immessi sul mercato violando la normativa a tutela dei diritti di proprietà intellettuale.

I risultati di servizio sono strettamente collegati alla capillare attività di controllo del territorio quotidianamente svolta dalle Fiamme Gialle di Siracusa, tesa a garantire il maggior livello di sicurezza possibile e il rispetto della legalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.