Sblocco licenziamenti tranne per tessile, scarpe e moda

Si sblocca al fotofinish il nodo sulla proroga o meno dello stop dei licenziamenti in scadenza mercoledì prossimo. La Cabina di regia, riunita dal premier Mario Draghi, ha sciolto infatti la questione, optando per uno sblocco selettivo. Salta il divieto di licenziamento, dunque, per l’industria manifatturiera ed edilizia, resta solo per i settori tessile, calzaturiero e moda che contestualmente potranno fruire della cassa integrazione gratuita per 17 settimane. Sostanzialmente dunque fino al 31 ottobre prossimo. Parallelamente è prevista la possibilità di erogare ulteriori 13 settimane di cassa integrazione straordinaria a tutte le imprese appartenenti ai tavoli di crisi industriali attualmente aperti e non, che abbiano esaurito gli ammortizzatori. Una eventualità che potrà essere richiesta entro il 31 dicembre e che vedrà l’impegno da parte delle aziende che volessero accedere al beneficio a rispettare lo stop ai licenziamenti per tutto il tempo di utilizzo degli ammortizzatori. Il pacchetto sarà sottoposto già domani al confronto con Cgil, Cisl e Uil. A convocarlo il premier Mario Draghi che si interfaccerà con i leader sindacali.(Adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.