Sant’Agata di Militello, controlli dei Carabinieri in un’autofficina. Denunciati i due titolari per violazioni ambientali ed urbanistiche, e il sequestro dell’area

Nella giornata del 4 giugno, a Sant’Agata di Militello (ME), nell’ambito dei controlli svolti alle attività produttive, industriali e commerciali, per verificare il rispetto delle normative in materia ambientale e urbanistica, i Carabinieri della Sezione Operativa della locale Compagnia hanno ispezionato un’autofficina con rivendita di autovetture e servizio di autolavaggio, deferendo  in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Patti, i titolari L.V.F. di anni 62 e L.V.L. di anni 69, per violazioni edilizie, violazioni al Testo Unico sull’Ambiente, nonché per occupazione abusiva del suolo pubblico.

Nel corso dei controlli, i Carabinieri hanno riscontrato violazioni alle norme disciplinate nel Testo Unico Ambientale in relazione alla raccolta, deposito incontrollato e smaltimento di rifiuti pericolosi e di acque reflue nonché occupazione abusiva di suolo demaniale.

In particolare i militari hanno accertato che l’autofficina depositava senza regole auto in disuso, parti meccaniche e di carrozzerie, lasciandole su spazi pubblici, riconducibili alla proprietà del comune di Sant’Agata di Militello, rilevando altresì nel terreno tracce di olio di motore e ruggine. L’intero impianto è stato sottoposto a sequestro, di concerto con la Procura della Repubblica di Patti che ha coordinato l’intera attività.

Anche l’autofficina ed il relativo servizio di autolavaggio sono risultate non a norma poiché le acque reflue dell’attività venivano illecitamente smaltite nella rete pubblica fognaria senza la prescritta autorizzazione.

Infine, all’interno dell’area di pertinenza della ditta è stata accertata la realizzazione di due manufatti edilizi in assenza di autorizzazione comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.