Rifiuti, sciopero generale anche in Sicilia. Fiadel-Cisal: “Condizioni inaccettabili, sistema va riformato”

La Fiadel Cisal anche in Sicilia aderisce allo sciopero nazionale indetto nel settore dei rifiuti e dei servizi ambientali, con presidi di fronte alle Prefetture di tutta l’Isola. “Da due anni aspettiamo il rinnovo del contratto – dice Giuseppe Badagliacca, segretario regionale della Fiadel-Cisal – e invece riceviamo proposte inaccettabili da parte delle aziende: diciamo no alla precarizzazione e al mancato riconoscimento delle professionalità acquisite, il rilancio del settore passa invece da una maggiore tutela della salute dei lavoratori e da una nuova classificazione del personale”.

“Un settore, quello dell’igiene ambientale, che in Sicilia è in piena crisi con discariche sature e rifiuti che non si sa dove conferire – spiega Badaglicca – Gli ultimi Governi regionali hanno messo la polvere sotto il tappeto e non hanno avuto il coraggio di riformare un settore che avrebbe invece bisogno di investimenti e scelte coraggiose”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.