Riaperture anticipate, Palazzo Chigi frena

Fino al 3 maggio non cambia nulla: è stato questo in sintesi il messaggio filtrato. Alcune Regioni in particolare premevano per qualche riapertura prima del 3 maggio, giorno in cui scadrà il lockdown previsto dall’ultimo Dpcm. Ma il piano è quello di una ripartenza in condizioni di massima sicurezza e un’intesa tra il governo e le Regioni per avere delle linee guida nazionali per la ripresa delle attività economiche.

“Le notizie sin qui filtrate circa l’apertura di attività produttive o l’allenamento di misure restrittive per lunedì prossimo sono prive di fondamento. Per la settimana prossima rimangono in vigore le misure già previste, che scadono il 3 maggio, e non è prevista nessuna modifica”, hanno fatto sapere fonti di Palazzo Chigi alla luce dell’incontro con i governatori ma anche con Comuni e Province. “Le Regioni hanno convenuto sulla opportunità di avere delle linee guida nazionali” per rimettere in moto il Paese messo in ginocchio dal Covid19 “così da gestire in modo coordinato e uniforme questa ripresa delle attività economiche”, spiegano ancora le stesse fonti.(Adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.