Ravanusa, ai parenti delle 9 vittime chiesti i soldi dei funerali: 10 mila euro ciascuna

La grande solidarietà post incidente si è fermata in piazza Primo maggio, a Ravanusa. Perché oltre al lutto i parenti al loro fianco hanno perso pure le istituzioni. Nei giorni scorsi ai familiari delle vittime è arrivato il conto dei funerali solenni da pagare: 10 mila euro a vittima. “Il costo non è mai stato trattato tra i parenti e i titolari delle onoranze funebri”. Lo afferma l’avvocato Salvatore Loggia, che rappresenta i familiari di 3 vittime della tragedia di Ravanusa, rivelando che i familiari delle 9 vittime (10 tenendo conto che una donna era incinta) dello scoppio della rete del gas di Ravanusa (Agrigento), dovranno pagare il conto, o lo hanno già fatto, alle onoranze funebri. I soldi sono stati anticipati per alcune vittime dallo studio legale che segue i parenti nella vicenda giudiziaria, per altri dalla ditta del Nord dove lavora un familiare, mentre altri parenti devono ancora pagare. “Le istituzioni, l’Italgas, nessuno ha ritenuto opportuno occuparsi di questa vicenda drammatica che ha costernato l’intero Paese” dice il legale.
    Il sindaco di Ravanusa, Carmelo D’Angelo, sostiene che il Comune fin dall’inizio è stato tenuto al di fuori dalla “vicenda”. “Dei funerali si sono occupati i titolari di due ditte di onoranze funebri del paese – spiega – Abbiamo chiesto all’inizio: chi paga? E loro ci hanno risposto: ce la sbrighiamo noi con le famiglie. Noi non volevano che pagassero le famiglie ma ci hanno tirato fuori. Poi abbiamo saputo che alcuni funerali sono stati pagati dalle assicurazioni dell’ufficio legale di qualche familiare, dalla ditta di un altro. Noi eravamo e siamo disponibili a dare un contributo. Naturalmente la cifra di partenza non può essere diecimila euro: un funerale costa circa un terzo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.