No green pass tornano in piazza, nuove proteste in diverse città

Al grido ‘no green pass’ nuove manifestazioni di protesta oggi in diverse città. A Milano come lo scorso sabato alcune centinaia di persone, per lo più senza mascherina, si sono date appuntamento in piazza Fontana per la manifestazione non autorizzata. Da lì, alternando gli slogan “libertà, libertà” e “giù le mani dai bambini” i manifestanti hanno raggiunto piazza Duomo. “No tso sperimentali”, “Scegliere non è un reato, discriminare sì”, “no nazi pass” si legge in alcuni dei cartelli esibiti.

“Siamo dei leoni, combatteremo fino alla morte contro le discriminazioni”, su un manifesto alla testa del corteo, davanti alla Galleria Vittorio Emanuele, il cui accesso è stato bloccato da carabinieri e polizia in tenuta antisommossa. “Vergogna, vergogna”, fischi e alcuni insulti sono stati rivolti alle forze dell’ordine.

Il corteo, trovando tutti gli accessi alla Galleria Vittorio Emanuele sbarrati dalle forze dell’ordine in tenuta antisommossa, ha raggiunto piazza della Scala passando per le vie del centro. Un migliaio circa i manifestanti assembrati davanti a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano. Il loro bersaglio, i giornalisti, il virologo Roberto Burioni e il presidente del Consiglio Mario Draghi, a cui hanno rivolto insulti e la richiesta di dimettersi.

Alla manifestazione presenti anche diverse famiglie con bambini. Al centro della piazza una grande fotografia di Giuseppe De Donno, l’ex primario di Pneumologia dell’ospedale Carlo Poma di Mantova, tra i sostenitori della plasmaterapia contro il Covid, che pochi giorni fa si è tolto la vita. “Assassini, assassini” ha urlato la piazza, dopo aver dedicato a De Donno un lungo applauso.

TORINO – A Torino la pioggia non ha fermato alcune centinaia di manifestanti no green pass che come la scorsa settimana si sono dati appuntamento in piazza Castello per protestare contro le nuove regole introdotte dal governo. Al grido ‘no green pass’, ‘libertà’ e ‘basta dittatura’ il presidio si è mosso in corteo con l’obiettivo di raggiungere la sede torinese della Rai dietro lo striscione ‘Uniti per la libertà di scelta. Contro ogni discriminazione’. I manifestanti hanno anche ricordato Giuseppe De Donno.

NAPOLI – Manifestazione anche a Napoli dove circa 300 persone si sono riunite a piazza Dante. “No green pass no dittatura” su uno striscione che è stato affisso alla ringhiera che circonda la statua di Dante. Molti i cartelli, da “Libertà senza se e senza pass” a “No alla dittatura sì alla libertà”, ma anche molti “omaggi” a Giuseppe De Donno. “Chi lotta per la vita è impossibile che si tolga la propria, dottor Giuseppe De Donno sempre con noi”, recita un cartello colorato retto da una donna. C’è anche chi ha portato in piazza i propri figli. Nessuno dei manifestanti indossa la mascherina. La piazza è presidiata dalla polizia, che segue la manifestazione a distanza.

“Assassini, assassini” e “giù le mani dai bambini” alcuni dei cori intonati dai manifestanti riuniti in piazza Dante. In piedi su una panchina, alcuni intervengono a turno con un megafono. Principali bersagli della protesta il premier Mario Draghi e il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. “Il governo ci sta mettendo una siringa alla tempia”, ha detto una donna raccogliendo l’applauso dei presenti. “Nessun permesso per circolare, nessun ricatto per lavorare”, recita un cartello.

I manifestanti si sono poi velocemente spostati sulla sede stradale, dove hanno bloccato la circolazione delle auto, ed è partito un corteo con l’obiettivo di raggiungere piazza Municipio. Momenti di tensione quando alcuni “no vax” hanno circondato una giornalista e l’operatore impegnati in un collegamento in diretta. Dal corteo è partito il coro “venduti, venduti” rivolto ai giornalisti. Le forze dell’ordine hanno riportato la situazione alla calma. (Adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.