Monforte San Giorgio, animali vaganti e incustoditi vicino al Niceto. Interrogazione di Giorgianni

Controllo del territorio per la presenza di animali vaganti. Lo chiede il consigliere comunale Antonino Giorgianni, che ha presentato questa interrogazione. “Premesso che il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica di Messina in data 8 novembre 2019 ha trattato il fenomeno della presenza nel territorio di branchi di quadrupedi vaganti ed incustoditi evidenziando le ripercussioni negative per i proprietari dei terreni, danneggiati dal passaggio incontrollato degli animali, ma anche per la salute pubblica
e per la salute degli animali stessi e per la sicurezza della circolazione, e prescrivendo infine i necessari servizi di controllo straordinario del territorio.
Premesso che tale fenomeno ha portata nazionale e che in tanti Comuni i Sindaci hanno emesso specifiche ordinanze ai sensi degli artt.50 e 54 DLgs n.267 del 2000 finalizzate al contenimento del fenomeno degli animali vaganti ed incustoditi;
Premesso che risultano anche nel nostro territorio comunale presenze di branchi di quadrupedi vaganti e incustoditi: mucche, cavalli, pecore e capre che si introducono ovunque creando danni alle colture e rischi per le persone;
Risulta pure che una pluralità di capre incustodite permanenti nel fondo Elicà c.da Liparano (Coculo Catinotu) di proprietà comunale, invadono e pascolano nei terreni privati della zona provocando danni a piante e colture, e rimostranze di privati cittadini.
Risulta pure che cittadini danneggiati si sono rivolte a varie Autorità, fra cui quella comunale e che nel febbraio scorso un gruppo di caprini è stato sequestrato “al fine di eseguire i dovuti accertamenti per risalire alla loro proprietà e salubrità”.
Premesso ancora che risulta essere state rinvenute ai margini del predetto fondo Elicà ed in proprietà privata carcasse di animali morti (della specie di quelli sopra descritti), che, essendo abbandonate, potrebbero essersi ammalate;
Ritenuto rispondente all’interesse generale porre in essere ogni iniziativa necessaria per porre riparo ai rischi in argomento ed evitare danni a persone e cose; per il decoro del territorio, la tranquillità dei residenti e la salute degli animali stessi,
interroga la S.V per conoscere
1) quali iniziative intende intraprendere per prevenire ed eliminare i pericoli per l’incolumità pubblica, la sicurezza urbana e la proprietà privata provocati dai vari branchi di animali vaganti ed incustoditi nel territorio comunale;
2) quali iniziative intende intraprendere per recuperare dall’abbandono e dall’ incuria il predetto fondo Elicà, liberandolo subito dalla presenza – a quanto risulta – non autorizzata della moltitudini caprini, ed impiegandolo secondo i principi di economicità, di redditività e razionalizzazione delle risorse.

Un pensiero riguardo “Monforte San Giorgio, animali vaganti e incustoditi vicino al Niceto. Interrogazione di Giorgianni

  • Aprile 29, 2020 in 9:45 am
    Permalink

    Il Comitato Prov. per l’ordine e la sicurezza pubblica presso la Prefettura di Messina in data 8 nov 2019 ha affrontato la problematica della presenza di animali vaganti incustoditi
    evidenziando le ripercussioni negative per i privati danneggiati, per la salute pubblica e per la sicurezza della circolazione.
    Doveva seguire una pianificazione di controlli mirati , su segnalazione del Sindaco interessato, punto di riferimento anche delle operazioni a seguire.
    Ai giornali messinesi che hanno enfaticamente riportato quella riunione in Prefettura abbiamo fatto pervenire una nota, pubblicata nei commenti, per precisare che la Prefettura di Messina ed il Comune di Monforte San Giorgio non hanno dato seguito alle numerose segnalazione di animali vaganti incustoditi. In controtendenza rispetto a quanto avviene in tanti Comuni d’Italia.
    A questo punto a seguito della interrogazione da parte di Nino Giorgianni. consigliere comunale di Monforte San Giorgio, recentemente riportata da VetrinaTv, diretta al Sindaco ed ai consiglieri, riteniamo doveroso attendere le conseguenti determinazioni da parte delle autorità comunali monfortesi, trattandosi di questioni di non poco conto come legalità, sicurezza, benessere degli animali.
    L’interrogazione tratta pure della gestione di terreni ricadenti nel patrimonio comunale, ma questo è altro tema.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.