Website Editore!

Milazzo, oggi la riunione al ministero della Transizione ecologica sulla Raffineria

rom awin.com -->

Si è svolto questa mattina presso il ministero della Transizione ecologica l’incontro voluto dal deputato Tommaso Calderone col ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani sull’Aia rilasciata lo scorso 11 gennaio alla Raffineria e nella fattispecie su una prescrizione ritenuta eccessivamente restrittiva che riguarda il camino della zolfo.

All’incontro hanno partecipato, oltre all’on. Calderone, i sindaci di Milazzo e San Filippo del Mela, Pippo Midili e Giovanni Pino, la presidente della commissione Ambiente, Alessandra Gallone, le parlamentari siciliane Urania Papateu e  Matilde Siracusano. I sindaci hanno esposto al rappresentante del Dicastero le problematiche legate all’istruttoria per il rilascio dell’Autorizzazione integrata ambientale e in particolare due  aspetti: la rimodulazione delle due prescrizioni n. 19 e n. 42 avanzate dal Comitato tecnico scientifico riguardanti l’ormai famoso camino (E10) dove avviene il recupero di zolfo e poi la questione legata alle prescrizioni sanitarie. I due amministratori hanno evidenziato che quelle prescrizioni, alla luce delle spiegazioni fornite al tavolo della conferenza dei servizi dello scorso 13 dicembre, dovrebbero essere rimodulate come ritenuto dalla maggior parte dei presenti e come da loro richiesto espressamente con emendamento predisposto e presentato e accolto favorevolmente dallo stesso Cts, concedendo alla Raffineria un termine per eseguire un monitoraggio finalizzato appunto a verificare i parametri di riferimento cui poi applicare il limite emissivo.

L’on. Calderone si è invece soffermato sul percorso da seguire in ottica futura, rappresentando l’idea relativa agli strumenti necessari per riconvertire la Raffineria di Milazzo, tutelando sia l’ambiente sia i lavoratori.

Il ministro Cingolani ha ascoltato i presenti, assicurando che opererà degli approfondimenti e delle valutazioni sulla prescrizione che ad oggi viene considerata una criticità e nelle prossime settimane fornirà un riscontro alla richiesta degli amministratori locali e della deputazione siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.