I Cavalieri Templari e l’impegno per la società nel Capitolato Nazionale svoltosi in Sicilia. Da Taormina a Roccavaldina

La ricerca e la proposizione di un humus connettivo funzionale alla creazione di iniziative di crescita che uniscano dal Tirolo alla Sicilia attraverso l’Italia dei Comuni amici dell’ordine templare. E rafforzare la scelta d’onore e d’impegno di essere templari. Questo è stato solo uno dei temi del Capitolo Nazionale 2022 dei Cavalieri Templari svoltosi in Sicilia. E iniziato con la visita al reparto di Cardiochirurgia Pediatrica dell’Ospedale San Vincenzo di Taormina per una donazione a favore del centro specialistico. Poi la Cerimonia d’Investitura di quattro nuove consorelle presso il Santuario di Santa Maria della Vena a Piedimonte Etneo. Visita anche al Santuario della Madonna di Tindari per partecipare alla Santa Messa celebrata dal Cappellano Generale dell’Ordine Mons. Gino Di Ciocco e ancora a Roccavaldina dove, col sindaco Salvatore Visalli è stato firmato il trattato di amicizia e mutuo riconoscimento tra il Comune di Roccavaldina e il Gran Priorato Generale d’Italia OSMTH Parigi nell’incontro condotto da Vittorio Spaccapietra, Gran Priore Generale d’Italia, alla presenza di tutti i cavalieri e in particolare di Paolo Smagliato, consigliere magistrale e ambasciatore del Gran Maestro. Non poteva che seguire la visita alla Farmacia con i suoi antichi manufatti del Patanazzi (collezione di vasi maiolicati del XVI sec.) e al Castello Medievale, dove i cavalieri guidati dal Priore Nicola Scibilia sono stati accolti dalla baronessa Francesca Nastasi. Il giorno dopo l’escursione a Piazza Armerina alla “Villa del Casale”, Museo Regionale di Aidone, dove si trova la Venere di Morgantina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.