“Grandi di Provincia”, un libro Galante nell’ambito della rassegna Nebrodes Book

Sarà il ritrovo letterario del Caffè Galante di Patti, ad ospitare oggi alle 19, la presentazione di Grandi di Provincia,  di Marina Romeo, edizioni Clipping. L’iniziativa inserita nell’ambito della rassegna Nebrodes Book, vedrà un secondo incontro sabato 6 agosto, alle ore 19, con Bianco di Mannara di Enzo Basso, la storia accattivante di un cane che nasconde, in un ciondolo d’argento del collare, un enigma   svelato da Anna Dalù, la giornalista detective protagonista della collana I Guastatori. Il compito di raccontare il volume sarà appannaggio di Giuseppe Gembillo, professore ordinario di Storia della Filosofia all’Università di Messina.

Grandi di Provincia ritaglia un pezzo di territorio, i Nebrodi, che ha dato i natali a sei personaggi di levatura internazionale, ripercorrendo le biografie con levità e ironia. Si parte dal generale Antonino Di Giorgio da San Fratello, eroe della grande guerra,  il militare che tenne testa  al prefetto Mori e a Benito Mussolini.

Segue l’epopea di Nella Mancusio, la prima donna d’Italia ad ottenere la patente, che a bordo di una Lancia Appia in compagnia di un gatto bianco, attraverserà negli anni Sessanta tutta l’Europa. Le pagine su Annibale Bianco, assessore regionale e sindaco di Sant’Agata Militello rievocano i periodi del dopoguerra, la passione politica insieme ai primi passi dell’Assemblea regionale siciliana che redasse lo Statuto Autonomo, a distanza di sessant’anni preso ancora a modello.

 Con la città di Patti ha un rapporto struggente il pilota di formula uno, Gepy Faranda  asso del volante, prima di trovare la morte sulla pista di Maranello, mentre è impegnato a gareggiare con una rossa Ferrari nel circuito modenese. Desterà stupore il suo testamento, nel quale, come se avesse avuto un presagio della sua breve vita da pilota, lascia un biglietto con la volontà di donare gli organi, sarà tra i primi in Italia grazie all’espianto a regalare la vista a due ciechi.

Illuminanti sono le testimonianze di Nicola Marinaro, giornalista di Caronia che ha trascorso la sua brillante carriera al seguito dei papi, girando il mondo con Giovanni Paolo II, raccontando fotogrammi di un’epoca immortalata nelle sue cronache. Il volume arriva all’epilogo  con l’avventura di Mancuso Fuoco, pittore naif di Capizzi che con i suoi colori caldi incantò il filatelico Bolaffi e le cui pennellate con scene di vita agreste di campi e di boschi sono oggi esposte in importanti musei francesi e tedeschi. A rendere più accattivante per il pubblico la presentazione di Grandi di Provincia, le letture del testo affidate a Salvatore Barone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.