Etna, nuova bocca effusiva a circa 3250 metri

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, ha comunicato che a partire dalle ore 15:30 UTC si è aperta una nuova bocca effusiva nel versante settentrionale del Cratere di SE, ad una quota di circa 3250 m s.l.m., subito a nord-ovest della bocca apertasi il 12 maggio. Dalla nuova bocca al momento viene emessa una piccola colata lavica in direzione nord-est. Contestualmente, prosegue l’effusione lavica alla bocca del 12 maggio, i cui fronti lavici si attestano nella desertica Valle del Leone.
Infine, il Cratere di SE continua ad essere interessato da un’attività esplosiva Stromboliana, di intensità variabile, che a partire dalle 15.30 UTC è accompagnata da una discontinua emissioni di cenere diluita che si disperde in direzione sud-ovest. Tale emissione di cenere si è conclusa alle ore 16.40 UTC.
Dal punto di vista sismico l’ampiezza media del tremore vulcanico, pur mostrando ampie oscillazioni nel suo trend, si mantiene nell’intervallo dei valori alti. La sorgente del tremore vulcanico risulta ubicata al di sotto del Cratere di SE, alla profondità di circa 3000m. L’attività infrasonica al Cratere di SE risulta parecchio sostenuta sia nel numero che nell’energia dei transienti infrasonici. I segnali acquisiti dalle reti GNSS e clinometrica non mostrano variazioni significative associate alla fenomenologia in atto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.