Etna, aumento dell’attività esplosiva al cratere di Sud-Est

Aumento dell’attività esplosiva al cratere di Sud-Est dell’Etna da ieri pomeriggio, con emissione di cenere in direzione sud, che raggiunge la quota di circa 5.000 metri sul livello del mare. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Osservatorio etneo, di Catania comunica che per questa nuova fase eruttiva l’Ingv ha emesso un avviso per l’aviazione (Vona) di colore rosso, il massimo livello di allerta che, al momento, non sembra impattare sull’operatività dell’aeroporto internazionale Vincenzo Bellini.
Prosegue, intanto, con intensità variabile, l’emissione lavica alle bocche effusive formatesi il 12 e 20 maggio scorsi. I fronti lavici più avanzati si attestano ad una quota compresa fra 2.800 e 2.700 metri nella desertica Valle del Leone.
Dal punto di vista sismico l’ampiezza media del tremore vulcanico, pur mostrando nei giorni scorsi ampie oscillazioni nel suo trend, si mantiene stabilmente nell’intervallo dei valori alti. La sorgente del tremore vulcanico risulta ubicata al di sotto del cratere di Sud-Est, ad una profondità di circa 3.000 metri. L’attività infrasonica risulta abbastanza sostenuta e localizzata in prevalenza al cratere di Sud-Est. I dati delle reti Gnss e clinometrica per il monitoraggio delle deformazioni del suolo non mostrano variazioni significative

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.