Esplosioni a fermate autobus Gerusalemme, almeno un morto

Due esplosioni presso due fermate dell’autobus all’ingresso di Gerusalemme hanno causato questa mattina la morte di una persona ed il ferimento di altre 18. Lo riferiscono la polizia e le squadre di soccorso giunte sul posto. Le forze di sicurezza hanno definito le due esplosioni attentati terroristici. Lo riporta il Times of Israel. La prima deflagrazione è avvenuta vicino all’ingresso occidentale di Givat Shaul poco dopo le 7. Undici persone che si trovavano alla fermata sono rimaste ferite, alcune delle quali in modo grave. Uno dei feriti è successivamente deceduto in ospedale. La seconda esplosione è avvenuta dopo le 7.30 all’ingresso di Ramot. Tre persone sono rimaste leggermente ferite. A causare le due deflagrazioni sarebbero stati due ordigni lasciati all’interno di borse.

La polizia israeliana sospetta che le due esplosioni siano state causate da ordigni esplosivi quasi identici lasciati in dei sacchi e fatti esplodere a distanza. I dispositivi erano pieni di chiodi per massimizzare le vittime, riferisce l’emittente pubblica Kan, citando funzionari di polizia. (Adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.