Emergenza rifiuti, crisi finanziaria e problematiche degli amministratori locali: il confronto proposto da Anci Sicilia

Rifiuti, crisi finanziaria degli enti locali e dignità istituzionale degli amministratori locali: questi i temi principali affrontati dai sindaci siciliani nel corso di una serie di incontri in videoconferenza che si stanno svolgendo in questi giorni. Dell’emergenza rifiuti si è già parlato nel corso del primo tavolo tecnico composto da una delegazione di sindaci che si è confrontata per analizzare la difficile situazione sanitaria e ambientale determinatasi, a causa dell’eccessivo accumulo di rifiuti indifferenziati, in molti comuni dell’Isola. In queste ultime settimane, infatti, si sono registrati, anche in considerazione del caldo estivo, seri problemi igienico-sanitari, micro-discariche nei centri urbani e nelle strade provinciali e statali, problemi alla circolazione. Dal confronto è emersa la necessità di valutare le proposte relative a superare l’emergenza igienico-sanitaria ed ambientale anche attraverso un’azione più decisa su programmazione e realizzazione di nuovi impianti, anche in considerazione delle gravi ricadute che questa emergenza ha, oltre che per la tutela dell’ambiente, dell’economia e della coesione sociale, sul sistema finanziario dei comuni e sulla gestione del personale spesso inadeguato a fronteggiare tali situazioni. In riferimento alle criticità finanziarie dei Comuni siciliani, poi, nel corso dell’incontro svoltosi ieri pomeriggio, è stato ribadito che siamo di fronte a problematiche di carattere strutturale che coinvolgono l’intero sistema delle autonomie locali. Partendo dall’analisi dei fattori di debolezza del sistema degli enti locali dell’Isola, quali la limitata capacità fiscale e le difficoltà del sistema di riscossione, sono stati affrontati i nodi problematici dell’applicazione in Sicilia delle norme sul bilancio armonizzato con particolare riferimento ai temi del sistema di accantonamenti del FCDE ( Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità) e del FGDC (Fondo di Garanzia per i Debiti Commerciali) e le ripercussioni sulle capacità assunzionali degli enti. Sono stati, inoltre, evidenziati anche gli ulteriori limiti della normativa nazionale per far fronte alle crisi finanziarie (dissesto e predissesto) e l’impossibilità per la stragrande maggioranza degli enti dell’Isola di superare la condizione di sofferenza finanziaria con le sole risorse proprie. È stata poi sottolineata la necessità di ripartire e sviluppare il percorso che ha portato nel 2021 all’assegnazione di 150 milioni (art.16-commi da 8 bis a 8 – sexies, del Collegato fiscale) come
riconoscimento dello stato di crisi strutturale dei Comuni siciliani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.