Ddl Zan, Renzi: “Spirito di unità o salta tutto”

Sul ddl Zan “la posizione di chi vuole mettere bandierine non produce il risultato, se facciamo un passo in avanti e portiamo un testo nella direzione dello Scalfarotto, altrimenti si va al voto segreto che è una incognita”. Così Matteo Renzi, intervenendo alla Camera, nel corso di una conferenza stampa per la presentazione del suo volume ‘controcorrente’ oggi in Senato. “Nel voto del calendario c’erano 11 voti di distanza – ricorda – nel voto segreto ne bastano sei e la legge muore, il mio suggerimento è ricordarsi che siamo parlamentari, se portiamo lo spirito di unità portiamo a casa la legge, altrimenti salta tutto”.

“Io ballo con i lupi? Se ci sono omosessuali che si possono sposare lo devono a noi, le unioni civili ci sono grazie a un compromesso”, risponde poi alle critiche di Nichi Vendola, che lo accusa di ballare con i lupi. “A Vendola ricordo – aggiunge – che nel suo partito c’è, ad esempio, Fassina, che mi pare abbia più dubbi di tutti noi”. “Se non c’erano Denis Verdini e Alfano ancora aspettavamo Di Maio”, dice sempre sulle unioni civili.

“Al Senato oggi – aveva detto ad ‘Agorà Estate’, parlando del ddl in mattinata – farò un appello al buonsenso, abbiamo la possibilità di dare una legge che dia maggiore tutela alle persone omosessuali e transessuali, siamo a un passo dal portare a casa il risultato. Ci sono due avversari: da un lato la destra che fa ostruzionismo e dall’altro una parte della sinistra che vive di ideologismo. Spero che torni il buonsenso”. “Sono contrario a che si ritorni in Commissione. Alla Lega dico di non fare passi indietro e dico a certa sinistra di non rincorrere le bandierine”, ha proseguito l’ex premier.

“Oggi alle 17 in Aula sul disegno di legge Zan. C’è chi vuole affossare la legge sia a destra in nome dell’ostruzionismo, sia a sinistra in nome dell’ideologismo. Un accordo è possibile, noi lavoriamo in quella direzione. Perché a me interessano i diritti delle persone, non le bandierine dei partiti”, le parole di Renzi di oggi nella sua enews.

Sul fronte giustizia, firmerà il referendum Lega-Radicali? “Non ho ancora deciso, stiamo valutando. Il fatto che sia un referendum portato avanti dai Radicali mi porta a dire che è un referendum interessante”, risponde il leader di Italia Viva. E sul M5S, “non ho niente contro Conte, lo trovo benissimo a occuparsi degli statuti del Movimento 5 Stelle. Quando però c’è da parlare con Biden sono più tranquillo se ci va Draghi”, ha spiegato ad Agorà.

Si può dialogare col centrodestra anche sul fisco? “Se loro dicono flat tax no. Così come se Enrico Letta dice ‘alziamo le tasse’, no. Io con Letta ho litigato non per lo ‘stai sereno’ di antica memoria… ma sulle tasse: lui nell’ottobre del 2013 ha aumentato l’Iva e io ero contrario. E oggi propone una sorta di tassa di successione che non mi vede convinto”, replica l’ex premier.

Oggi il ddl in Aula

Doppio appuntamento oggi con il ddl Zan. In Commissione Giustizia, a Palazzo Madama, il relatore della legge di contrasto ai reati omofobi, il leghista Andrea Ostellari, tenta l’ultimo blitz per trovare una convergenza sulle modifiche al testo Zan, presentate la scorsa settimana. “Alle 15 si prosegue con la discussione in Commissione, poi si va in Aula dove la presidente Casellati mi chiederà se ho una relazione, io riferirò in base a quanto svolto, negli ultimi giorni e anche nelle ultime ore”, ha detto ieri all’AdnKronos Ostellari. Che non esclude che la situazione potrebbe riservare qualche novità, prima dell’arrivo in Aula, con il ddl atteso per le 16.30 nell’emiciclo, per l’inizio della discussione.(Adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.