“Compro oro” in piena attività, chiusi 4 centri ad Acireale e Riposto

“Fase due”: sono 4 gli esercizi di “compro oro” sanzionati e chiusi provvisoriamente nei giorni scorsi dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, tre ad Acireale (CT) ed uno a Riposto (CT), per violazione delle restrizioni imposte dal Decreto del Presidente del Consiglio del 26 aprile scorso. La norma, infatti, prevede la riapertura del commercio all’ingrosso, in questo caso di oro e metalli preziosi, ma proibisce tuttora quello al dettaglio con i privati.

In tutti e quattro i casi, invece, è stata rinvenuta presso i locali dell’attività d’impresa la documentazione obbligatoria attestante gli acquisti di metallo venduto da privati negli ultimi giorni, a conferma che il commercio esercitato, almeno in quei casi, non è avvenuto all’ingrosso. Infatti, l’attività di compro oro, intesa come acquisto di rottami da privati, regolarmente riportata in apposita scheda, è un’attività al dettaglio.

Inoltre, tre degli esercizi commerciali controllati dai militari della Guardia di Finanza della Tenenza di Acireale e della Compagnia di Riposto avevano comunicato l’avvio dell’attività di commercio all’ingrosso solo negli ultimi giorni di aprile, ed uno addirittura risulta attualmente inattivo al registro delle imprese.

È da considerarsi attività all’ingrosso riportato sulla propria licenza, o anche in camera di commercio, per esempio, la vendita dei rottami acquistati prima del DPCM da privati e destinati alla fonderia di fiducia.

Le Fiamme Gialle hanno quindi irrogato la sanzione amministrativa pecuniaria, oltre alla chiusura temporanea per 5 giorni lavorativi ai gestori degli esercizi al dettaglio in quanto non espressamente autorizzati all’apertura.

L’attività del Corpo prosegue incessantemente per vigilare sul rispetto delle norme vigenti, che sono poste non soltanto a tutela della salute e della sicurezza della popolazione, ma anche a contrasto dei profitti illeciti derivanti da coloro che si approfittano dello stato di bisogno dei cittadini, spinti in questo periodo più che mai a privarsi dei loro averi per far fronte al sostentamento delle proprie famiglie.

Per ogni operazione eseguita gli operatori devono predisporre una scheda (numerata progressivamente) i cui indicare:

  • i dati identificativi del cliente,
  • gli estremi della transazione effettuata con mezzi diversi dal denaro contante;
  • una descrizione sulle caratteristiche dell’oggetto prezioso, sulla sua natura e qualità;
  • la quotazione dell’oro e dei metalli preziosi contenuti nell’oggetto;
  • due fotografie in formato digitale dell’oggetto prezioso (con prospettive diverse);
  • la data e l’ora dell’operazione;
  • l’importo corrisposto e il mezzo di pagamento usato;
  • la destinazione data all’oggetto completa dei dati identificativi: dell’altro operatore compro oro o cliente a cui l’oggetto è stato ceduto, dell’operatore professionale a cui l’oggetto è stato venduto o ceduto per altre trasformazioni, delle fonderie/aziende specializzate nel recupero di materiali preziosi a cui l’oggetto è stato ceduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.