Cas e bandi deserti, i sindacati: “La politica regionale ha precise responsabilità sulla crisi del consorzio”

Anche il secondo bando emesso dal Cas per richiedere lavoro somministrato tramite agenzie interinali è andato deserto, così a rischio è il presenziamento dei caselli delle A20 e A18 per tutto il periodo estivo. “Ancora segnali inequivocabili di una situazione gestionale e finanziaria del Cas fortemente preoccupante – dichiarano le segreterie sindacali di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, SLA,?Cub Trasporti e Lata Messina – e che stante la carenza di personale di esazione ed il contestuale periodo di ferie estive rischia di mandare in tilt il servizio ai caselli e causare probabili ripercussioni sul traffico veicolare e lunghe file alle barriere delle autostrade siciliane. Saremo costretti a coinvolgere le autorità competenti ed il Prefetto se necessario – continuano i sindacati – in quanto con le gravi carenze di personale ai caselli ed i forti flussi previsti d’estate,  il rischio è non garantire adeguata sicurezza agli utenti e ai veicoli che sopraggiungono alle barriere, ove le auto si trovano spesso incolonnate e si riscontrano sovente manovre azzardate con rischi a mezzi e persone. “Non e’ di certo un fulmine a ciel sereno – continuano i sindacati – ma un rischio che avevamo ampiamente denunciato quando in più occasioni abbiamo puntato l’attenzione sulle critiche condizioni economiche dell’ente che hanno anche messo a rischio gli stipendi dei lavoratori. L’ennesimo bando deserto, le difficoltà a pagare le ditte appaltatrici dei cantieri aperti, sono il segnale che l’ente non appare affidabile sul mercato . La politica regionale che ha inteso impropriamente bloccare l’autonomia del Cas ente economico, nelle maglie della legge di stabilità,  si assuma le proprie responsabilità – concludono i sindacati – il Cas convochi le parti perché  occorre trovare soluzioni immediate, dopo aver bloccato un concorso già svolto, per garantire il servizio ai caselli e le ferie al personale,  ed anticipiamo che senza urgenti soluzioni ci rivolgeremo agli organi esterni per la tutela dei diritti dei lavoratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.