Bill, Biblioteca della legalità: primo presidio in Sicilia nella Valle del Mela

Su iniziativa della sezione siciliana dell’Associazione C’è Speranza se Accade @ Rete di
Cooperazione Educativa è stato sottoscritto il Patto territoriale che dà l’avvio al progetto “Bill
Valle del Mela – Peloritani” nella provincia di Messina.
Il progetto “Bill, Biblioteca della Legalità” nasce nel 2016 in seno alla Fattoria della Legalità
di Isola del Piano, bene confiscato alla criminalità organizzata e gestita da Libera, a cura di
IBBY Italia e grazie alla collaborazione di Associazione Nazionale dei Magistrati, AIB Marche,
Libera – Sezione di Pesaro e Urbino, Forum del Libro e Cooperativa Culturale Giannino
Stoppani, ISIA Urbino.
Il progetto è finalizzato alla diffusione della cultura della giustizia e della legalità̀ tra le giovani
generazioni attraverso l’educazione alla lettura promossa con bibliografie ragionate di testi,
narrativa, classici, albi illustrati, saggistica e graphic novel.
La Rete di cooperazione educativa – Sezione Sicilia ha individuato il Comune di Santa Lucia del
Mela, in provincia di Messina, quale partner istituzionale alla luce della sua pregressa attività
amministrativa volta alla promozione e valorizzazione della cultura della legalità e della giustizia.
La rete territoriale, composta da ARCI Associazione Centopassi, Associazione Culturale
DRACMA, Associazione Il Promontorio, Associazione Luciese per la Salute e l’Ambiente
(ALSA), Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI) – Sezione Milazzo,
Associazione O2italia, MuMa Museo del Mare Milazzo e Slowfood – Condotta Peloritani
Tirrenici, nasce con l’impegno di coniugare il tema della legalità a quello della giustizia, concetti
che storicamente non sempre hanno coinciso, e declinarlo con le specifiche questioni che
riguardano l’agricoltura e il consumo critico, la tutela paesaggistica e del patrimonio culturale,
la tutela dei diritti umani, la cittadinanza attiva e la tutela ambientale.
Storie e immagini per coltivare il pensiero critico e nutrire il senso civico, nella convinzione che
l’esperienza della lettura sia fondamentale per preservare la cultura democratica e per la
formazione di cittadini consapevoli e responsabili. A settembre daremo avvio ad un percorso
di coprogettazione tra i partner che porterà ad un calendario di attività aperto alla cittadinanza
e che crediamo essere un’opportunità di scambio e crescita per tutti.
RETE DI COOPERAZIONE EDUCATIVA: L’associazione C’è speranza se accade @ – Rete di
Cooperazione Educativa nasce nel 2011 a Verona dall’incontro con il Movimento di Cooperazione
Educativa fondato dal maestro Mario Lodi negli anni Cinquanta. Lodi desiderava mettere in collegamento
fra loro donne e uomini che avessero a cuore l’educazione intesa come partecipazione attiva alla
costruzione di cittadini e cittadine. La Rete inaugura la sua prima sezione regionale in Sicilia a gennaio
2021, a coordinarla è la pedagogista Giusi Caliri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.