Barcellona, un progetto per quattro canali

Un’attesa decennale a Barcellona Pozzo di Gotto, nel Messinese, per la sistemazione delle saie Riti, Bizzarro, Acquacalda e Cappuccini. Ora, grazie alla Struttura contro il dissesto idrogeologico guidata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, la buona notizia del finanziamento della progettazione esecutiva.

Gli Uffici di piazza Ignazio Florio, sotto la direzione di Maurizio Croce, hanno infatti pubblicato la gara – importo complessivo centottantamila euro – per le indagini tecniche, utili alla stesura del documento progettuale.

E’ uno step essenziale per sbloccare una situazione problematica che molti disagi ha creato nel territorio barcellonese in diversi versanti. Le saie in questione, canali naturali che garantiscono il deflusso delle acque piovane, risultano interrate nelle parti urbane o con una capienza insufficiente.

Molte di queste saie, che in occasione di nubifragi si trasformano in veri e propri torrenti in piena, sono diventate strade carrabili, con tutti i rischi che ne derivano per la sicurezza e per l’incolumità pubblica in un sistema orografico principale costituito da due spartiacque, il torrente Idria e il torrente Longano.

Si rende quindi necessaria un’opera generale di regimentazione idraulica per scongiurare le alluvioni e le esondazioni che si sono avute nel 1994, nel 2008, nel 2010 e nel 2011 a causa della rottura degli argini, e che hanno prodotto pesanti danni alle colture, ai fabbricati, alle infrastrutture, senza considerare quelli alla viabilità e, per l’esattezza, nella strada statale Oreto, in via Cappuccini e nelle principali arterie viarie delle frazioni di Santa Venera e di Pozzo Perla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.