ATO 4 dell’Alcantara, subentro del consorzio Caretur – Multiecoplast. La soddisfazione di Fp Cgil e Uiltrasporti per il mantenimento dei livelli occupazionali

Si sta per concludere la gestione del servizio rifiuti  a cura di ATO Messina 4 per tutti e sei  comuni della Valle dell’Alcantara dove il servizio di raccolta e smaltimento verrà svolto dal consorzio aggiudicatario dell’appalto formato dalle ditte Caretur e Multiecoplast.

Ieri presso il comune di Motta Camastra e Graniti le firme dei contratti dei lavoratori che seguono quelle già avvenute per i comuni di Moio Alcantara e Malvagna ed entro poche settimane a concludere saranno i comuni di Santa Domenica di Vittoria e Roccella Valdemone. 

I servizi di raccolta e smaltimento rifiuti nei sei comuni dell’Alcantara  saranno progressivamente affidati per sette anni, a partire dal prossimo mese di giugno, al gestore aggiudicatario dellotto 3 del bando di gara emanato dalla SRR Messina Provincia in ottemperanza alle norme dettate dalla legge regionale 9/2010.

 Dopo una lunga serie di incontri tra sindacati , sindaci dei comuni interessati ed i vertici di SRR Messina provincia e Ato Messina 4, si è definita la procedura per l’avvio del servizio ed il transito progressivo che verrà garantito per tutti i lavoratori precedentemente impegnati nelle attività gestite da ATO 4 che da sempre hanno operato con professionalità ed impegno nel territorio.

“Esprimiamo la nostra soddisfazione per il mantenimento dei livelli occupazionali – dichiarano Carmelo Pino responsabile Fp Cigl e Giacomo Marzullo responsabile di Uiltrasporti – e ringraziamo tutti e sei i sindaci dei comuni interessati per aver svolto con competenza e disponibilità  al meglio  il proprio ruolo operando assieme alle organizzazioni sindacali per garantire un miglior servizio nell’interesse dei cittadini che rappresentano e alla piena occupazione dei lavoratori. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.