Anci Sicilia,Orlando: “Ripartire da sburocratizzazione ed innovazione digitale”

“Uno sforzo poderoso quello fatto dal Governo e dal Parlamento regionale sulla Finanziaria che è stata una risposta di emergenza ad un’emergenza. Questo comporta un impegno di tutti per rimuovere dei vincoli ancora presenti nei rapporti con lo Stato e con le competenti autorità dell’Ue. Stiamo uscendo gradualmente dall’emergenza ma per la seconda fase abbiamo bisogno di ulteriori risorse da investire su infrastrutture  materiali e immateriali, in un’innovazione digitale che non può essere solo banda larga ma anche  un’innovazione  di carattere culturale”.

Lo ha detto Leoluca Orlando, presidente dell’ANCI Sicilia a margine della riunione che, organizzata dal presidente della Regione, Nello Musumeci, si è svolta oggi pomeriggio in videoconferenza per definire un “Piano regionale per la ricostruzione economica e sociale dell’Isola e per l’efficientamento burocratico.”

“Adesso –continua Orlando – è necessario immaginare una progettualità settore per settore per favorire la rinascita della nostra economia e per consentire a tutte le attività produttive di rimettersi in marcia operando le scelte più opportune per rimanere sul mercato. E per questa ragione abbiamo sollecitato più volte il governo nazionale a indicare i protocolli di sicurezza per i vari settori. I sindaci, in questa fase, daranno il loro contributo attraverso la predisposizione di un documento puntuale per immaginare come possa essere avviata la seconda fase rispetto alla prospettiva degli enti locali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.