Anci Sicilia, confronto on line sul ciclo dei rifiuti

Oltre 120 i partecipanti che questa mattina hanno seguito il webinar formativo dal titolo “Il ciclo integrato dei rifiuti: dalla raccolta allo smaltimento”, organizzato da ANCI Sicilia e Legambiente.

“Considerata la centralità dei comuni nell’attuale sistema di gestione dei rifiuti in Sicilia questi webinar rappresentano una nuova stagione formativa che, seppure caratterizzata da un confronto a distanza, non perde minimamente la sua valenza di sostegno agli amministratori locali, offrendo loro nuove soluzioni  per affrontare problematiche di vitale importanza”.

Questo il commento di Mario Emanuele Alvano, segretario generale dell’ANCI Sicilia, che aggiunge: “Il ciclo di seminari è finalizzato anche a garantire una nuova e più efficace gestione dei tributi, in particolare della TARI, sia sotto il profilo finanziario che sotto il profilo tributario. In più verranno analizzate le possibili e nuove modalità organizzative per la raccolta e lo smaltimento di rifiuti speciali quali i dispositivi di protezione individuale che, in relazione all’emergenza sanitaria da Covid-19, fanno ormai parte del nostro quotidiano”.

“La nostra associazione ritiene, non da oggi, – dichiara Tommaso Castronovo di Legambiente e coordinatore del progetto Sicilia Munnizza Free- cruciale il tema della gestione del ciclo dei rifiuti in chiave della sostenibilità per quanto riguarda sia la riduzione della produzione dei rifiuti, sia il recupero della materia. Per questo ci siamo smpre opposti tanto alle discariche quanto agli inceneritori per proporre, invece, un modello di gestione del ciclo dei rifiuti virtuoso che punti alla raccolta differenziata e all’economia circolare. La numerosa partecipazione al webinar di stamani è la dimostrazione della grande attenzione e del grande interesse degli amministratori, dirigenti e funzionari locali ad approfondire gli argomenti proposti”.

Il prossimo webinar è previsto per il 19 maggio a cura di Lucio Catania su “L’evoluzione normativa della tassa sui rifiuti in Italia e la sua applicazione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.