Website Editore!

Ambiente, Cordaro: «Con nuovo direttore Arpa Sicilia, Infantino, verso Centro d’eccellenza per la sostenibilità»

rom awin.com -->

Sinergia, responsabilità, trasparenza e professionalità. Sono state queste le parole chiave pronunciate oggi dall’assessore regionale al Territorio e Ambiente Toto Cordaro, durante l’incontro di presentazione del nuovo direttore generale dell’Arpa Sicilia, Vincenzo Infantino, all’istituto ex Roosvelt – nel quartiere Addaura a Palermo – dove nascerà un “Centro internazionale di eccellenza per la sostenibilità ambientale e per la salute dell’Uomo”. 
Si tratta di un progetto ambizioso, voluto dal presidente Nello Musumeci, che avrà come protagonista la Regione Siciliana assieme all’Arpa Sicilia e agli enti  Enea, Ispra, Cnr, Ismett e Rimed. In questi locali, inoltre, si trasferiranno alcuni uffici dell’Agenzia regionale per la tutela dell’ambiente.
«Da qui nasce simbolicamente una nuova idea di tutela dell’ambiente – ha sottolineato Cordaro – che deve avere come linee guida la trasparenza amministrativa e l’applicazione delle norme di settore. A questi elementi non deve mancare, però, l’elasticità di intervento che serve a coniugare la tutela dell’ambiente alla crescita e alla valorizzazione degli straordinari tesori che la nostra isola custodisce».
«L’Arpa Sicilia – ha spiegato il neo direttore, Vincenzo Infantino – è fatta di tanti uomini e tante donne che spesso lavorano in silenzio, ma che sono centrali nel delineare le strategie ambientali che vengono affrontate costantemente. Avverto, nella presenza oggi dell’assessore Cordaro e del dirigente generale Battaglia, un’attenzione particolare all’Arpa. Sentire la fiducia delle istituzioni, oltre l’appoggio dei cittadini, è un elemento fondamentale. L’Arpa ha importanti progetti pronti a partire che sapranno rappresentare anche un elemento attrattivo per tutti quei giovani neolaureati che cercano uno spazio di crescita».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.