Agrigento, operazione antimafia “Oro bianco”. In carcere 12 esponenti della “Stidda”

Operazione antimafia “Oro bianco” ad Agrigento. In carcere sono finiti 12 esponenti della “Stidda”. I carabinieri del comando provinciale di Agrigento, dall’alba, fra Licata, Palma e Favara stanno eseguendo 35 provvedimenti cautelari di cui 12 arresti in carcere per il reato di associazione a delinquere di tipo mafioso. L’operazione, denominata in codice “Oro bianco”, è coordinata dalla Dda di Palermo. L’accusa per gli indagati è di avere acquisito la gestione o il controllo di attività economiche, di concessioni, di autorizzazioni, di appalti e servizi pubblici e procurare voti eleggendo propri rappresentanti in occasione delle consultazioni elettorali. Tra gli indagati figura anche un consigliere comunale di Palma di Montechiaro. Gli arrestati sarebbero fiancheggiatori di Giovanni Brusca, appartenenti alla famiglia Stiddara che uccise barbaramente il Giudice Rosario Livatino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.